Con due note diramate ai reparti operativi dal Comando della Guardia di Finanza sono state chiarite le condizioni per le quali scattano le sanzioni per chi rifiuta i pagamenti POS.

La legge e la sua applicazione

La legge n.79 di conversione del Decreto PNRR 2 ha stabilito che a partire dal 30 giugno chi non accetta i pagamenti POS è passibile una sanzione di 30 € aumentata del 4% del valore della transazione rifiutata per mancata accettazione dei pagamenti elettronici da parte dei soggetti obbligati.

La doppia penalità – 30€ + 4% –  scatta solo se il consumatore si vede negare il pagamento elettronico dal commerciante, dall’esercente o dal professionista.

In sostanza, se uno degli operatori obbligati non ha il POS ma un cliente non gli chiede di poter pagare con carta o bancomat le condizioni per la multa non sussistono.

Non scatta alcuna sanzione anche nei casi di oggettiva impossibilità tecnica, per esempio in presenza di “comprovati problemi di connettività o di malfunzionamenti tecnici dei dispositivi per l’accettazione dei pagamenti elettronici”.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *