La Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 1151 del 17 gennaio 2022, chiarisce che l’Agenzia delle Entrate potrà presumere che i versamenti soci effettuati tramite denaro contante e senza preventiva delibera, possano essere valutati come guadagno in nero non dichiarato, qualora non si rilevi la capacità finanziaria da parte dei soci e delle apposite delibere assembleari.

Questi movimenti di denaro sono quindi per la Cassazione una “spia” di evasione fiscale sufficiente a legittimare, in unione ad altre irregolarità contabili o anomalie fiscali, l’accertamento analitico-induttivo.

L’ordinanza è frutto di una vicenda che ha visto coinvolta una srl sottoposta a controllo dopo aver evidenziato cospicui spostamenti di denaro contante da parte dei soci, finanziamenti però non supportati dalla sussistenza di corrispondenti risorse economiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *