Il nuovo provvedimento fiscale introdotto dalla Finanziaria 2023 prevede la possibilità di regolarizzare le violazioni, le infrazioni e le inosservanze di obblighi o adempimenti di natura formale commesse fino al 31 ottobre 2022. 

La regolarizzazione richiede il versamento di 200 euro per ciascun periodo d’imposta cui si riferiscono le violazioni, da pagare in un’unica soluzione o in due rate entro il 31 marzo 2023 e il 31 marzo 2024. 

Tutti i contribuenti, compresi i sostituti d’imposta, gli intermediari e altri soggetti tenuti alla comunicazione dei dati relativi ad operazioni fiscalmente rilevanti, possono beneficiare della regolarizzazione delle infrazioni di natura formale, indipendentemente dall’attività svolta, dal regime contabile adottato e dalla natura giuridica.

La regolarizzazione delle infrazioni formali rappresenta un’opportunità per i contribuenti di sanare eventuali violazioni commesse in passato e di evitare sanzioni e conseguenze negative sul piano fiscale. 

Tuttavia, è importante ricordare che la regolarizzazione non si estende alle violazioni sostanziali, ovvero a quelle che incidono sulla determinazione della base imponibile e sul versamento dei tributi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *